lunedì 16 novembre 2009

ancora qui?.. io sono già oltre..


E tutt’e due lì.. chiusi in un bar.. lei aspetta quel bacio.. lui gioca con le sue dita e vorrebbe scappare.. lei lo sa, lo sente, sente che è nervoso, ma se chiede perché allora non se ne va?.. perché continua a restare seduto chiuso lì.. non ti senti bene qui? E allora vaaaa.. ma lui resta.. pure lei.. e si sente nell’aria un bacio che non fu.. e che non sarà mai..

3 commenti:

Tomaso ha detto...

Che profondo sentimento ci sono in questa breve poesia ma una vera poesia che viene dal profondo del cuore,
grazie cara Vane di avermela fatta conoscere.
Tomaso

Ivan Fedorovic ha detto...

lei sa..lui no...si ha paura di prendere delle decisioni perché non si conoscono le volontà altrui...volontà che si vorrebbero conoscere...per avere un po' di sicurezza...come sarebbe più semplice la vita se non si tenesse conto di questi fattori....

P.S. ormai la mia visita qui sta diventando un gradito appuntamento giornaliero...

Vane ha detto...

>Grazie Tomaso.. grazie per esserci sempre.. sempre..

>Ivan, non so che dire, forse è così.. ma a volte serve che le persone se ne rendano conto da soli..

ps: Sono contenta che tu ci sia sempre.. ma attento, non affezzionarti mai a questo posto maledetto^^
e grazie..